• Cellulare: 340 6722856

Tag Archives: diete

Categories Consigli per la spesa, News

Etichette e frasi incomprensibili

Le diciture sulle etichette alimentari non sono lasciate alla fantasia o al rigore scientifico degli esperti di marketing, ma devono attenersi ad alcune norme previste nell’articolo 5 del regolamento europeo (1924/2006). Il testo dice che “l’impiego di indicazioni nutrizionali e sulla salute è consentito solo se ci si può aspettare che il consumatore medio comprenda gli effetti benefici secondo la formulazione dell’indicazione”. C’è di più: le scritte riguardanti la salute devono essere approvate dall’Efsa

Il concetto è chiaro, ma di fronte ad alcune diciture sorgono spontanei dubbi. Ecco una breve rassegna di claim che hanno ricevuto un’approvazione ufficiale e quindi possono essere stampati sulle confezioni.

“La sostituzione di amidi digeribili con amido resistente in un pasto contribuisce alla riduzione dell’aumento del glucosio ematico post-prandiale”

“La betaina contribuisce al normale metabolismo dell’omocisteina”

“La biotina contribuisce al normale metabolismo dei macronutrienti”

“Il calcio interviene nel processo di divisione e di specializzazione delle cellule”

“Il folato contribuisce alla normale emopoiesi”

“Il magnesio contribuisce all’equilibrio elettrolitico”

“Il selenio contribuisce alla normale spermatogenesi”

“Lo zinco contribuisce al normale metabolismo acido-base”

Quale può essere il ruolo e la  funzione di queste scritte? Siamo di fronte a un’idea per segmentare il mercato? Oppure è una scelta di marketing delle imprese per rivolgersi solo a quei consumatori che sanno cosa sia l’emopoiesi o il metabolismo acido-base. Forse l’industria pensa che questi possibili consumatori, avendo studiato materie scientifiche possano disporre di risorse economiche maggiori rispetto ai laureati in filosofia?

Ogni azienda deve inviare il testo relativo alle diciture salutistiche da stampare sulle etichette all’Efsa

Per capire meglio va detto che ogni azienda deve inviare il testo relativo alle diciture salutistiche da stampare sulle etichette all’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (Efsa). L’ente deve accertare la validità dei dati scientifici e valutare la comprensibilità del testo per il consumatore medio. Non basta: un successivo regolamento (UE) n. 1169/2011 dice che le etichette alimentari devono essere precise, chiare e facilmente comprensibili, in modo da aiutare i consumatori a compiere scelte alimentari e dietetiche consapevoli. Questo significa che indicazioni come “Il calcio è necessario per il mantenimento di ossa normali” oppure “Le prugne secche contribuiscono al mantenimento delle normali funzioni intestinali” sembrano in linea con l’auspicata chiarezza e comprensibilità, mentre quelle che abbiamo elencato sopra  non lo sono di certo, anche se sono  state approvate.

Oltre alla veridicità scientifica quindi, queste affermazioni devono essere chiare, affidabili e utili al consumatore. Per fare queste valutazioni non è necessario ricorrere a esperti di comunicazione, basterebbe chiedere il parere del barista di Parma a cui gli esperti dell’Efsa chiedono un bicchier d’acqua (che, a proposito, contribuisce al mantenimento di funzioni cognitive e fisiche normali, a condizione che l’assunzione giornaliera sia di almeno 2 litri, sotto qualunque forma, giusto reg.(UE) n.432/2012).

Tratto dal sito: www.ilfattoalimentare.it

 

Categories Consigli, News

Fame e sazietà

Perchè mangiamo più del necessario?

Perchè mangiamo quello che mangiamo?

È cercando di rispondere a questa domanda che nutrizionisti e ricercatori hanno individuato nel corso degli anni i concetti di appetibilità e sazietà: due parole chiave importanti non solo per gli esperti, ma anche per chiunque desideri dimagrire in modo sano ed equilibrato.

Ogni dieta, infatti, non può prescindere dalla capacità di combinare i cibi in maniera tale da evitare il più possibile lo stimolo della fame. Molte diete teoriche falliscono proprio perchè sono irrealizzabili dal punto di vista della sazietà o dell’appetibilità dei cibi.
Cominciamo allora a capire di cosa si tratta.

La fame e la sazietà sono il risultato di processi fisiologici complessi. Segnali specifici, come ad esempio la carenza di nutrienti nel sangue o lo stomaco vuoto, generano la sensazione della fame che, a sua volta, regola il bisogno di mangiare. Con l’assunzione del cibo, si placa l’appetito mettendo fine all’occasione alimentare e determinando uno stato di assenza di fame, chiamato sazietà. L’equilibrio tra la fame, lo stimolo dell’appetito e l’assunzione della quantità di cibo necessaria a determinare la sazietà, è controllato dal sistema nervoso centrale.

Anche i macro-nutrienti, ossia i carboidrati, le proteine e i grassi, generano segnali di sazietà di varia intensità.

L’appetibilità, invece, è proporzionale al piacere che si prova quando si mangia un determinato alimento. Essa dipende dalle proprietà sensoriali del cibo come, ad esempio, il sapore. Si tratta di un parametro decisamente soggettivo, ma è vero anche che gli alimenti dolci e ricchi di grassi esercitano un’innegabile attrattiva sensoriale e suscitano in quasi tutti gratificanti effetti post-ingestione, che prendono il nome di “risposta di piacere”.

Basandosi sui concetti di sazietà ed appetibilità, è possibile suddividere il cibo in quattro macrocategorie:

Alimenti ad alta appetibilità e alta sazietà. Sono poveri di calorie ma ricchi di gusto, quindi generalmente molto amati. È il caso, ad esempio, della frutta estiva: anche mangiandone in abbondanza per appagare il piacere del palato, l’introito calorico resta ridotto.

Alimenti ad alta appetibilità e bassa sazietà. L’esempio tipico sono i dolci: l’indice di appetibilità in questi casi è massimo, 10 in una scala ipotetica. Viceversa l’indice di sazietà è bassissimo: prima di sentirsi sazi si possono introdurre anche migliaia di calorie.

Alimenti a bassa appetibilità e bassa sazietà. Sono alimenti che non attirano particolarmente il palato, e al tempo stesso sono ricchi di calorie ma poco sazianti. È il caso dell’olio e delle salse in genere, di cui molto difficilmente si fa indigestione.

Alimenti a bassa appetibilità e alta sazietà. Tipicamente si tratta delle verdure: generalmente sono poco amate, ma saziano in fretta per l’elevato contenuto di fibre, pur contenendo pochissime calorie.

Conoscere gli indici di sazietà ed appetibilità dei vari alimenti è importante per gestire al meglio il bilancio calorico della giornata ed evitare un sovrappiù di calorie rispetto al fabbisogno reale e quindi un aumento di peso.

SAPER RICONOSCERE GLI STIMOLI DI FAME E SAZIETA’ E’ L’UNICO MODO PER GESTIRE IN MODO DEFINITIVO IL PROPRIO PESO CORPOREO.

Categories Consigli, News, Salute

I fermenti lattici

I fermenti lattici sono dei microrganismi con molte applicazioni sia in ambito medico che in ambito industriale, come la produzione di yogurt e formaggi.

I fermenti lattici in ambito medico

Il termine fermenti lattici in ambito medico-farmaceutico è spesso utilizzato impropriamente per indicare un complesso di microrganismi, trai quali anche batteri in grado di digerire il lattosio, facenti parte la microflora residente del tratto gastro-intestinale.

Tra i più utilizzati in questo settore è possibile ritrovare i Lactobacilli e i Bifidobatteri, che rappresentano i principali costituenti di integratori e farmaci utilizzati per ripristinare il corretto equilibrio della microflora enterica.

Affinchè tali elementi possano espletare le proprie azioni terapeutiche preventive, devono necessariamente superare la barriera gastrica resistendo all’azione lesiva degli acidi gastrici e dei vari enzimi proteolitici, impiantandosi stabilmente nella mucosa enterica e riequilibrando il microambiente eventualmente compromesso da terapie antibiotiche prolungate piuttosto che da diete disequilibrate o da intensi periodi di stress psico-fisico.

Il riequilibrio della microflora intestinale potrebbe pertanto risultare utile nel :

–          Ridurre l’insorgenza di infezioni dell’apparato gastroenterico, competendo con agenti patogeni sia per eventuali substrati energetici che per la colonizzazione delle mucose;

–          Ottimizzare il pH vigente in loco, rendendo il microambiente ostile all’annidamento di specie patogene;

–          Migliorare i processi digestivi, riducendo la sintomatologia presente in corso di dispepsia;

–          Riequilibrare l’alvo, evitando l’insorgenza di episodi diarroici o di stipsi ostinata;

–          Recuperare l’integrità di barriera mucosale in seguito a terapie antibiotiche protratte nel tempo;

–          Sostenere il sistema immunitario sia locale che sistemico;

–          Ottimizzare la sintesi e l’assorbimento di vitamine del gruppo B e di vitamina K, normalmente prodotte dalla microflora intestinale.

Alle molteplici attività già dimostrate e su elencate se ne aggiungono altre, ancora in studio, che estenderebbero le possibili indicazioni anche alla prevenzione e al trattamento di patologie importanti dell’intestino come quelle infiammatorie.

 

Quando e come usare i fermenti lattici

L’uso dei fermenti lattici in ambito medico e preventivo trova numerose applicazioni, risultando utile in corso di disbiosi intestinale e difficoltà digestive, terapie antibiotiche protratte nel tempo, cambi di stagione, infezioni ricorrenti del tratto gastro-enterico, periodi di particolare stress psico-fisico accompagnato da un generale calo delle difese immunitarie.

Alcuni clinici ritengono inoltre che l’impiego di questi microrganismi possa risultare utile in corso di patologie infiammatorie dell’intestino, contribuendo a modulare la secrezione citochimica ristabilendo un corretto equilibrio del microambiente.

Studi dimostrano come sia possibile ottenere la massima efficacia dal punto di vista terapeutico, effettuando cicli di integrazioni di almeno 20 giorni, anche per più volte all’anno.

 

Effetti collaterali

L’integrazione con fermenti lattici vivi risulta generalmente sicura dal punto di vista clinico e priva di effetti collaterali significativi.

Categories Consigli, News

La cellulite

La cosiddetta cellulite, il cui vero nome è panniculopatia edemato–fibro-sclerotica (P.E.F.S.), deriva dal un’alterazione del derma e dell’ipoderma; in condizioni ottimali, le cellule adipose (adipociti) normalmente presenti nel tessuto sottocutaneo funzionano da riserva di energia per l’organismo, che brucia grassi ogniqualvolta abbia necessità di combustibile.

In caso di stasi del circolo venoso questa “riserva” diventa difficile da utilizzare, si accumula fino a comprimere i capillari sanguigni, già fragili, che iniziano a trasudare plasma dalle loro pareti divenute porose.

Il plasma si infiltra fra le cellule, con il tempo provoca un’ infiammazione del tessuto adiposo con formazione di fibrosi dei tessuti sottocutanei: i capillari vengono ulteriormente compressi e il drenaggio dei liquidi in eccesso si fa sempre più difficile. Si innesca quindi un “circolo vizioso” che autoalimenta questa patologia.

LE CAUSE DELLA CELLULITE

L’insorgere della cellulite dipende da diversi fattori che spesso si sommano fra loro (anche se, in fondo, tutto si può ricondurre ad un’alterazione del microcircolo); alcuni di essi non sono eliminabili e sono quindi definiti PRIMARI (ad es. il sesso, la razza o la familiarità), altri, detti SECONDARI, sono collegati ad alcune fasi della vita, a patologie particolari o all’assunzione di farmaci; altri invece, definiti fattori AGGRAVANTI (ad es. cattiva alimentazione o sedentarietà), sicuramente potrebbero essere controllati adottando uno stile di vita diverso.

  • FATTORI PRIMARI

Il fatto di essere donna e di razza bianca sono elementi sfavorevoli: la donna mediterranea è caratterizzata da una conformazione “a pera” (ginoide) in cui prevale l’azione degli ormoni femminili (gli estrogeni) sui recettori specifici, con il risultato di un accumulo dei chili in eccesso sulla parte bassa del corpo, ritenzione idrica e stasi circolatoria. Non a caso il problema comincia con l’adolescenza, periodo in cui vi è una vera e propria tempesta ormonale che segna il passaggio dall’infanzia all’età adulta.

Anche la componente familiare è rilevante, considerato che alcuni disturbi del micro-circolo spesso si tramandano tra consanguinei e che l’insufficienza venosa e linfatica con fragilità capillare costituiscono l’anticamera della cellulite.

  • FATTORI SECONDARI

E’ noto che le manifestazioni cutanee della cellulite sono fortemente legate al ciclo femminile: l’aspetto “a materasso” della pelle aumenta nel periodo precedente il ciclo, soprattutto in caso di sindrome pre-mestruale, e in gravidanza quando sale il livello degli estrogeni con effetti positivi e negativi: aumenta l’appetito, migliora l’umore, si accumulano liquidi nei tessuti e il prodotto del concepimento preme sulle strutture vascolari, aggravando la situazione circolatoria magari già non perfetta, con segni di stasi.

Come regola, in generale, la cellulite diminuisce dopo la menopausa, in assenza di trattamento ormonale sostitutivo.

  • FATTORI AGGRAVANTI

Una muscolatura di cattiva qualità, sia per sedentarietà sia a seguito di un dimagrimento eccessivamente rapido che abbia sacrificato il tessuto muscolare, è sicuramente uno dei fattori favorenti la cellulite. Il moto aiuta a mantenere efficiente muscolatura, circolazione e metabolismo aiutando a bruciare i grassi e a prevenire la stasi circolatoria.

La dieta scorretta, poi, con l’introduzione eccessiva di calorie, di cibi ricchi di grassi e di sale favorisce accumulo di adipe localizzato, ritenzione di liquidi, “intossicazione” generale dell’organismo e formazione degli odiati cuscinetti.

Anche una postura sbagliata contribuisce ad aggravare il quadro clinico: stare molte ore seduti rallenta la circolazione perchè la sedia comprime i vasi e la situazione peggiora se si tengono le gambe accavallate. Non fa neanche bene trascorrere troppo tempo in piedi immobili, perchè il sangue fa fatica a risalire dagli arti inferiori, con conseguente stasi circolatoria. I difetti dell’appoggio plantare (piede piatto, piede cavo, ecc.) sono anche causa di postura errata e possono favorire i processi che portano alla formazione della cellulite.

Si deve evitare l’abbigliamento costrittivo: non dimentichiamo che abiti e biancheria attillati comprimono i vasi, mentre scarpe troppo strette o con tacco alto, oltre i 5 cm., ostacolano il ritorno venoso e linfatico e impediscono il corretto funzionamento dell’importantissima “pompa venosa” che abbiamo sotto i nostri piedi (un reticolo venoso che viene compresso ad ogni nostro passo e che imprime una spinta verso l’alto al sangue, impedendogli di ristagnare).

Stress e fumo sono altri fattori che favoriscono l’aggravarsi del quadro, l’uno per le inevitabili ripercussioni sul quadro ormonale (aumento dei cosiddetti “ormoni dello stress”), l’altro per la sua azione vasocostrittrice e per la sua capacità di aumentare i radicali liberi, sostanze che favoriscono i danni a carico del microcircolo ed accelerano i processi di invecchiamento generale dell’organismo.

I RIMEDI PER LA CELLULITE

Occorre evitare rimedi apparentemente più semplici e definitivi come la liposuzione, ma entrare nell’ottica che la cellulite può essere smaltita con adeguata attività fisica e una buona dieta equilibrata. Per quel che riguarda la nutrizione è necessario evitare diete ipercarboidratiche ed iperlipidiche, sapendo che esse sarebbero un incentivo all’accumulo di grassi sottocutanei. Inoltre occorre particolare attenzione se si è appena seguita una dieta molto restrittiva (il corpo deposita più rapidamente grasso).

LA DIETA

La prevenzione inizia sulla tavola e qualsiasi trattamento è destinato a dare risultati modesti se non lo si associa ad uno stile di vita sano e se non si rivedono le abitudini alimentari.

Un’alimentazione equilibrata ed adeguata fa sì che pesantezza, gonfiori degli arti e cellulite, causati da un rallentamento del circolo venoso, possano essere prevenuti e curati.

Stipsi e ritenzione idrica sono, infatti, due tipici segnali di insufficiente e scorretto esercizio fisico associato ad una alimentazione disordinata. È necessario quindi orientare le abitudini alimentari verso un regime disintossicante, equilibrato, facilmente digeribile.

Nello scegliere gli alimenti da consumare nella dieta bisogna fare attenzione a quelli che favoriscono il ristagno e gonfiano i tessuti.

Il sodio trattiene i liquidi che, accumulandosi negli interstizi tra le cellule, ostacolano la circolazione: rinunciare ad un po’ di sale non significa necessariamente fare a meno dei sapori, perché può essere egregiamente sostituito da aromi da cucina.

Da prendere seriamente in considerazione è l’assunzione giornaliera di acqua: è sempre consigliabile consumarne molta; un litro e mezzo è la quantità minima da assumere ogni giorno per permettere una buona diuresi e un’eliminazione ottimale delle sostanze tossiche e di rifiuto.

Da bandire gli eccessi di alimenti che affaticano il fegato, impedendogli di svolgere la sua azione “depuratrice” (caffè, cioccolato, bevande alcoliche, fritture, ecc.); preferire invece alimenti ad alto contenuto di fibre (che favoriscono il transito intestinale e l’evacuazione delle scorie alimentari, riducendo l’assorbimento di zuccheri e grassi), di vitamina C, vitamina E e potassio, capace di contrastare il sodio. I bioflavonoidi poi, di cui sono ricchi i frutti di bosco e sottobosco, sono dei veri alleati per una buona microcircolazione.

L’ATTIVITA’ FISICA

Non solo a tavola si prevengono pesantezza, disturbi e inestetismi delle gambe: per averle agili e belle contano anche i gesti, le posizioni, l’abbigliamento, il moto e la scelta dell’esercizio fisico.

Lo sport serve non solo ad incrementare la combustione dei grassi e quindi ad avere un fisico asciutto, ma aiuta anche a tonificare i muscoli e a stimolare la circolazione.

La ginnastica più utile è quella di tipo aerobico, che stimola l’ossigenazione dei tessuti e mobilita i depositi di grasso. Almeno mezz’ora al giorno di esercizio fisico è il tempo ideale per ottenere risultati concreti e mantenersi in forma.

Via libera quindi al nuoto (che sfrutta anche l’azione di idromassaggio indotto dai movimenti del corpo nell’acqua), alle pedalate in bicicletta (o alla cyclette, in mancanza della possibilità di pedalare all’aria aperta), al jogging e walking (camminate), alla ginnastica a corpo libero, all’atletica leggera.

Categories News, Pasti

Sentirsi sazi

Quando decidiamo di seguire una dieta spesso abbiamo paura di avere fame durante il giorno, allora ecco a voi alcuni trucchi per sentire prima il senso di sazietà!

Inizia dalla tavola: per i pasti siediti senza avere fretta, apparecchiando con cura: così apprezzi meglio il cibo. Per ingannare l’occhio, usa piatti piccoli, meglio se colorati, e sperimenta le bacchette cinesi: prendendo piccole quantità di cibo, il senso di sazietà arriva prima. Così comemasticando a lungo: 40 masticazioni per boccone è il numero giusto. E fallo anche per i liquidi, perchè anche questi hanno un tempo di digestione.

Scegli cibi che riempiono. In generale, sono quelli che contengono un’alta percentuale dacqua e fibre, ma pochi grassi. Quindi sì a verdure, frutta, carboidrati integrali, pesci e carni magre. Il pompelmo, per esempio, contiene il 90% di acqua, le carote fresche l’88%. Preferisci le verdure a foglia, che hanno un’alta percentuale di fibra: biete e spinaci ne contengono di più dei pomodori.

Non dimenticarti delle proteine: anche se gli italiani non riescono a fare a meno della pasta nazionale, inserisci nella tua dieta carne e pesce. I carboidrati non vanno eliminati totalmente (altrimenti scatta la voglia di dolce a fine pasto), ma le proteine hanno un alto potere saziante, come dimostrato da uno studio della Scuola di Medicina dell’Università di Washington. Il pasto giusto, che dà energia ma non ingrassa, si basa sulla regola 30 – 40 – 30: 30% di proteine, 40% carboidrati, 30% di grassi.

Evita le bibite zuccherine, che aggiungono calorie senza dare sostanza, e pure i cibi che contengono grassi: uno studio presentano all’ultimo congresso della Società delle Neuroscienze a San Diego ha mostrato che una dieta a base di cibi grassi, se protratta nel tempo, altera alcune aree del cervello dei topi, quelle legate al meccanismo della ricompensa e del piacere.

Usa gli snack per calmare il senso di fame tra un pasto e l’altro e per non arrivare totalmente affamata a tavola.
Ma scegli spuntini intelligenti, a base di verdura, ricca di fibre: alcune assorbono acqua e creano volume, altre passano nell’intestino inalterate, aumentando il senso di sazietà.

Sfrutta le notte: se dormi bene, almeno 6-8 ore, non ingrassi. A dirlo sono ormai molti studi, che hanno evidenziato un complesso intreccio di relazioni tra il metabolismo e il ciclo sonno-veglia, le ore di sonno e alcuni ormoni, tra cui la leptina.

Categories News

E’ ora di ricominciare!

Le feste sono davvero finite, la lunga lista dei buoni propositi la sappiamo bene e quindi è ora di rimettersi in carreggiata!

Non sempre è facile il primo approccio con l’esperto in nutrizione e, molte volte, anche le visite di controllo risultano difficili da gestire, anche per l’assistito.

Dalla parte del nutrizionista è certamente difficile riuscire a capire alla prima visita chi si ha di fronte e quanto il paziente sarà in grado di seguirlo nel trattamento proposto. E’ importante proporre piani dietetici il più possibile personalizzati per adattarsi alle esigenze del paziente e creare diete pratiche e facilmente comprensibili. Nelle visite di controllo inoltre, risulta necessario valutare non solo l’incremento o decremento di peso del paziente, ma valutare le variazioni di massa magra o grassa.

Il paziente, a sua volta dovrebbe affidarsi completamente al’esperto, fidandosi dei suoi consigli, interessandosi al perchè di certe scelte. Occorre tuttavia interagire con lo stesso, al fine di mettere a nudo i dubbi o le perplessità che si possono avere su tutti gli aspetti della nutrizione. Un nutrizionista accetta ben volentieri indicazioni su come impostare la dieta, per far si che il trattamento sia ben accettato. Per permettere ciò, però è necessario che il paziente sia onesto riguardo le sue abitudini e le sue motivazioni.

Le prime fasi della dieta saranno certamente difficili, in quanto cambieranno le abitudini ed il modo di mangiare. Occorre non essere schiavi della bilancia. I veri cambiamenti si vedono a lungo termine e paradossalmente potrebbe accadere che il peso rimanga invariato ma si sostituisce la massa grassa con la massa magra! Per questo sono importanti le visite di controllo, ed è importante instaurare un rapporto di fiducia con chi ci assiste!

Categories News, Pasti

La prima colazione

Il primo pasto del mattino è il più importante dei tre appuntamenti quotidiani con il cibo;  scegliere di saltare la colazione, o anche solo “tirarla via” perchè non si ha tempo, è un grosso sbaglio

Una colazione ben bilanciata dice al nostro corpo che non deve operare nessun risparmio energetico, che può attivare tutti i metabolismi psichici e fisici e che può quindi tranquillamente utilizzare le sue risorse: per questo saltare la colazione per stare attenti alla linea oltre ad essere un grosso errore è anche controproducente; ed ecco perchè è sicuramente meglio dormire dieci minuti di meno e ritagliarsi il tempo per rendere la colazione un momento importante e rilassante.

Prima di approfondire la composizione della colazione, vi appunto qualche regola generale.

  •  per chi avesse problemi di stitichezza una buona pratica può essere quella di mangiare un kiwi al mattino prima di colazione;
  • se si utilizza pane commerciale è sempre meglio tostarlo perchè in questo modo è più digeribile, oltretutto con la tostatura si abbatte la quota dei lieviti; se invece il pane viene fatto con la pasta madre questo problema non si presenta e in questo caso si può utilizzarlo tranquillamente anche fresco;
  • chi ha l’abitudine di mangiare un frutto al mattino lo può tranquillamente aggiungere;
  • come potete immaginare sconsiglio caldamente anche i cornetti del bar, oggi impastati quasi sempre utilizzando margarine vegetali e non burro.

Forse non tutti lo sanno e molti lo sottovalutano, ma la colazione è il pasto più importante della giornata, quindi in quanto tale bisogna dedicarle il tempo e le attenzioni che merita. Dopo una notte di digiuno e una giornata davanti da affrontare, ricaricarsi appena svegli è il regalo migliore che si possa fare al nostro organismo. Anche se ci svegliamo stanchi e con lo stomaco chiuso non fa male e non è controindicato mangiare qualcosa. Molto spesso se non si prende in esame l’attività fisica è proprio la colazione che fa la differenza tra una persona magra ed una in sovrappeso. È per questo motivo che noi nutrizionisti puntiamo sempre su una buona colazione.

Vi siete mai chiesti perchè persone che si tengono sempre leggere durante la giornata ingrassino ugualmente? Quello che ingrassa non è la quantità dei cibi, ma la qualità e tipologia degli alimenti scelti.

Detto ciò ora andiamo a vedere come deve essere organizzata una prima colazione.

Vediamo se voi seguite una sana alimentazione, oppure commettete errori grossolani.

La prima cosa che vi dovete mettere in testa è questa: sapete quante calorie bisogna ingerire a colazione?

Almeno il 20 – 25% del fabbisogno calorico giornaliero. In altre parole un uomo che abbia un dispendio energetico giornaliero di circa 2500 Kcal necessita di almeno 500 Kcal a colazione. Quindi capite bene che un caffè o una tazza di latte non servono a nulla.

Considerate la colazione il pasto principale della giornata e dedicategli tutto il tempo che necessita.

Vediamo adesso come comporre in modo corretto il primo pasto della giornata.

– latte intero con pane tostato, burro e marmellata;

– latte intero con biscotti o con una fetta di torta o crostata fatte in casa;

– yogurt bianco naturale intero con cereali e frutta.

…e buona giornata!